Il programma educativo

Tutte le attività ludiche della nostra scuola (musicologia, manualità, psicomotricità, ecc.) sono formulate tenendo conto dell'età dei bambini, delle loro capacità e del loro grado d'interesse, affinché il singolo e il gruppo (anch'esso soggetto all'apprendimento) possano imparare reciprocamente giocando. A seconda della fascia d'età del bambino, sarà seguito un programma educativo mirato che consentirà, grazie ad un monitoraggio mensile, di svilupparne al meglio le competenze nel rispetto del suo personale ritmo di crescita. Le classi sono divise per l´eta´.

  • SOCIALIZZAZIONE
    Introdurre gradualmente il bimbo alla realtà dell'apprendimento rispettando norme di comportamento e farlo vivere insieme agli altri piccoli amici.

  • EDUCAZIONE LINGUISTICA
    Dialogo e interazione verbale con i bimbi in modo da fornire loro un valido modello di riferimento linguistico in oltre con l'uso di giochi e attività motorie viene facilitata l'acquisizione di parole e di concetti arricchendo le loro modalità espressive sia nella lingua italiana sia nelle altre lingue utilizzate all'interno della scuola.(l'inglese, il ceco)

  • CONOSCENZA DELLO SPAZIO
    Il bimbo deve imparare a collocarsi nel mondo che lo circonda; per il piccolo ogni spazio è qualcosa che possiede una carica affettiva.

Il colloquio iniziale con i genitori

I genitori, durante il colloquio, iniziano a esternare le proprie paure, a chiedersi se la scuola sia il luogo “giusto” per il loro bambino, se troverà al suo interno persone capaci di occuparsi adeguatamente di lui e se riuscirà a viverlo serenamente.

Con il colloquio inizia un percorso di conoscenza reciproca, volto a costruire un'iniziale relazione di fiducia tra adulti che insieme accompagneranno la crescita del bambino.
L'aspettativa di fondo del genitore risiede nel riuscire a trovare uno spazio “studiato” appositamente per il bambino e, proprio per questo motivo, è molto importante che durante il colloquio iniziale riesca a spiegare le abitudini, i ritmi e gli orari del proprio bimbo.

Compito dell'educatrice e della coordinatrice è invece quello di ascoltare attentamente il genitore, dare informazioni utili sull'inserimento, sugli orari e sui tempi della scuola.

Il primo colloquio è quindi una preziosa occasione per conoscersi, costruire un rapporto di fiducia e collaborazione reciproca fra la scuola e i genitori.